Home > Celtic League > Aironi Rugby: cartellino rosso o solo giallo?

Aironi Rugby: cartellino rosso o solo giallo?

 Come tutti voi sapete il 6 aprile, durante il consiglio federale, la Federazione Italiana Rugby ha deciso di revocare la licenza agli Aironi Rugby per prender parte al campionato celtico di Pro12 la prossima stagione. La decisione, nonostante il brutto momento vissuto dalla società lombarda, ha sorpreso tutti, a partire dai giocatori stessi per arrivare ai tifosi. Proprio i tifosi, coloro che c’entrano meno in questa faccenda fatta di finanziamenti, giochi di potere e interessi, sono anche coloro che sono più preoccupati, e i primi ad essersi mobilitati. Il tifo organizzato de I Miclas si è messo al lavoro e dopo aver convocato una riunione tra i membri, ha deciso di mostrare il proprio dissenso il 15 aprile allo Stadio Zaffanella contro Scarlets sventolando fazzoletti bianchi e mostrando la propria vicinanza a giocatori e società.

Altra iniziativa è l’apertura del gruppo su Facebook chiamato “Sosteniamo gli Aironi rugby“, dove tra i più di 5500 membri è stata proposta l’idea di una raccolta di fondi per aiutare anche economicamente la franchigia lombardo-emiliana.

Passando a faccende più istituzionali bisogna annotare il ricorso presentato dalla società Aironi Rugby, che probabilmente si appellerà al CONI per dimostrare l’illegittimità della decisione presa dalla FIR riguardo la revoca della licenza. Ad intervenire è stata anche la Regione Lombardia, che ha finanziato con 4 milioni di euro la ristrotturazione dello Stadio Zaffanella di Viadana, che rischierebbe, dopo solo due anni, di rimanere una cattedrale nel deserto. Come prevedibile lo sgomento ha colpito anche giocatori ed dipendenti della società, nonchè i vari sponsor. Ma a mostrare a pieno la poca professionalità della FIR, e il danno d’immagine che ha causato al rugby italiano ci pensa il Board della Celtic League, che accusa la Federazione Italiana di esser stata tenuta all’oscuro su una decisione così importante.

La speranza è che gli Aironi possano ricandidarsi al bando che la FIR ha ufficializzato si chiuderà il 25 aprile per eleggere la squadra italiana che prenderà parte al Pro12 2012-2013. Il bando, al limite del ridicolo, pone dei requisiti, sia economici che strutturali, che praticamente nessuna società italiana di rugby può soddisfare. Insomma la speranza è che gli Aironi riescano a trovare i soldi necessari a ricandidarsi, e continuare l’esperienza iniziata due anni fa. Un’esperienza che ha portato la società lombarda a raggiungere enormi traguardi, sia per quanto riguarda il marketing che il merchandising, essendo seconda in questi campi solo alla Nazionale italiana, unico vero interesse di una FIR più attenta a curare l’espetto esteriore rispetto alla sostanza, fatta di club e campi, che vanno dal Pro12 alla Serie C.

Categorie:Celtic League
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...