Home > Celtic League > Brunel per il dopo-Mallett?

Brunel per il dopo-Mallett?

Nazionale e dopo Mallett: Giravano molte voci circa il futuro sostituto del Ct della Nazionale italiana Nick Mallett, che come noto vedrà il proprio contratto scadere dopo la Coppa del Mondo 2011 in Nuova Zelanda. Viste alcune incomprensioni e frecciatine tra il Presidente federale Giancarlo Dondi e l’attuale Ct, un prolungamento del contratto sembra fortemente utopistico.  Per il dopo Mallett è quindi spuntato il nome di Jacques “Moustache” Brunel (in foto), attuale allenatore della squadra francese del Perpignan, vincitrice del Top 14 nel 2009 e finalista nel 2010. Si tornerebbe quindi ad un selezionatore francese, da molti ritenuta una scelta azzeccata dato lo spirito latino ed un modo di intendere il rugby più vicino a quello italiano. Brunel stuzzicato dai giornalisti non ha mai fatto trapelare alcun particolare, ma ieri, in un intervista del giornale sportivo francese L’Equipe ha dichiarato: “Sta alla FIR decidere se accettare o no. Io mi sono messo nella posizione di accettare“.

A questo punto la questione sembra chiusa, nella speranza sia data, da parte della FIR, maggiore disponibilità e libertà all’allenatore francese, permettendo di scegliere i propri collaboratori, libertà che non è stata concessa a Mallett. Intanto la domanda che ci si pone è se un Sei Nazioni deludente potrebbe portare alla decisione, per certi versi suicida, di anticipare il cambio-allenatore già in primavera. Brunel si sofferma poi sulle difficoltà di allenare una nazionale, esperienza già provata dal 2001 al 2007, quando ottenne da Laporte l’incarico di occuparsi degli avanti della selezione nazionale francese: “Ho già allenato una Nazionale e conosco le ifficoltà che l’accompagnano. Ho vissuto i lunghi periodi  senza poter vedere i giocatori, mentre erano nei rispettivi club“.

Poi “Moustache” si sofferma anche sulle due selezioni italiane impegnate in Celtic League, affermando: “Forse questo problema (non vedere a lungo giocatori impegnati con i club) è specifico della Francia, forse in Italia le cose saranno diverse. Credo che collaborare con franchigie come quelle di Treviso e Aironi può permettere di immaginare un lavoro comune con la Nazionale, delle prospettive di lavoro identiche. E quindi di aumentare l’efficacia“.

Parole importanti, che fanno immaginare un futuro basato su tecnici competenti e collaborazione tra franchigie e Nazionale. Già, ma questo futuro rimmarrà immaginario o diverrà reale?

Aironi e Moschino: Intanto alcuni giocatori della franchigia hanno sfilato per Moschino, sponsor del club,  all’Arena Civica di Milano, per presentare la linea di abbigliamento Moschino Loves Aironi.  L’Arena Civica quindi, dopo l’allenamento degli All Blacks nel novembre 2009 e le partite casalinghe dell’Amatori Milano, assapora ancora un po’ di rugby con le sfilate di Demas, Buso, Robertson, Bocchino, Pratichetti, Quartaroli e Toniolatti.

Categorie:Celtic League
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...